Video in motion graphics: le diverse tipologie

animazione video

Per mezzo della grafica animata è possibile sviluppare diverse tipologie di video: ecco quali sono e come vengono realizzate.

La grafica animata, soprattutto grazie agli sviluppi più recenti della tecnologia, mette a disposizione la possibilità di realizzare una grande varietà di tipologie di video animati. Esse si distinguono tra di loro in base allo stile e al contenuto: si spazia dalla whiteboard animation alla motion graphics con animazione in 3D, passando per l’animazione in 2D. Vediamo nel dettaglio le caratteristiche più importanti di ognuna di queste soluzioni.

Che cos’è la whiteboard animation

L’espressione in lingua inglese “whiteboard animation” si potrebbe tradurre come animazione su lavagna, e sta a indicare una tecnica che è apparsa pubblicamente nei primi anni Duemila. Più nel dettaglio, si è soliti far risalire il debutto di questo stile al 2002, quando esso venne impiegato per la realizzazione di alcuni spot pubblicitari della compagnia Common Craft. In questi spot, si vedeva la mano di un artista intenta a disegnare una storia su un foglio bianco.

Con il passare del tempo, poi, si è verificata una fisiologica evoluzione di questa tecnica, anche grazie all’aggiunta di effetti digitali che hanno contribuito ad aumentare il livello di dinamismo dei video. Così, oggi nei filmati si nota una mano vera che disegna le icone, i testi, i personaggi e tutti gli altri elementi della scena.

La semplicità del tratto è una peculiarità dei contenuti realizzati in whiteboard animation, che in genere sono in bianco e nero o al massimo presentano pochi tocchi di colore. Si può ricorrere a questa tecnica per perseguire diversi scopi: per esempio per illustrare i punti di forza di un certo prodotto, ma anche per far conoscere dei particolari servizi di business o per mettere in risalto le potenzialità di un marchio.

Che cos’è la 2D animation

Una valida alternativa rispetto ai video animati con la tecnica whiteboard può essere individuata nella 2D animation: questo è lo stile che per antonomasia caratterizza la motion graphics, vale a dire la grafica in movimento. Una delle caratteristiche più importanti di tale stile è da identificarsi nel suo potere di sintesi decisamente elevato. Il motivo è presto detto: grazie all’impiego di elementi grafici colorati ma al tempo stesso semplici si ha la possibilità di dar vita a un dinamismo che è sì coinvolgente, ma comunque educativo, sia che si tratti di proporre delle storie di business, sia che si tratti di realizzare delle semplici scene.

È molto forte l’impatto comunicativo che scaturisce dai video animati in 2D, i quali hanno il pregio di illustrare con chiarezza qualsiasi concetto, rendendolo perfino divertente: e magari quegli stessi argomenti sarebbero molto noiosi se venissero raccontati in maniera tradizionale. Non è difficile intuire, allora, la ragione per la quale i video in grafica animata stanno conoscendo un successo crescente: le imprese vi fanno affidamento al fine di promuovere i propri servizi e i propri prodotti ottenendo riscontri più che positivi e risultati importanti.

Che cosa sono le animazioni 3D e la motion graphics

Infine, lo sviluppo più recente offerto dal settore della tecnologia dei video animati è quello delle animazioni realizzate con i software 3D. I risultati che ne derivano sono in molti casi stupefacenti, e ovviamente i video si dimostrano alquanto efficaci dal punto di vista comunicativo. Si può pensare, per esempio, di renderizzare le animazioni adoperando uno stile cartoons, per fare in modo che il filmato che si produce sia un tutt’uno con i vari elementi in 3D. Nel momento in cui le scene diventano tridimensionali, si accantona la piattezza tipica dei contenuti in 2D.